Crea sito

Un crescente numero di vulcani in tutto il mondo si stanno risvegliando

Articolo del 18/04/2012

Dal 2011 a questa parte un numero crescente di vulcani quiescenti da molto tempo pare si stia lentamente riattivando,rispondendo alla dimunuzione dell’attività solare,quasi fosse il suo campo magnetico in diminuzione la causa della risalita di cospicui volumi di magma all’interno di questi ultimi,i brillamenti solari invece pare li scatenino quando le tempeste magnetiche investono la Terra. 
Un riassunto di questi è d’obbligo:

-Baekdu un vulcano spento al confine tra Corea del Nord e Cina, sta dando segni di una possibile eruzione in un prossimo futuro.
“Baekdu potrebbe scoppiare in qualsiasi momento presto,” ha detto il geologo Yoon Sung-Hyo a Pusan National University, che ha monitorato la montagna più alta del paese (2.744 metri) osservandone le eventuali modifiche in caso di eruzione.
“Una serie di indicatori sono a favore di questo scenario. La cosa che dovremmo cercare di prevedere quando. E ‘chiaro che l’eruzione è imminente”.
Il geologo ha cautamente ipotizzato che l’eruzione potrebbe avvenire in un paio di anni.
Secondo i documenti storici, Baekdu era un vulcano attivo.
Le principali attività si sono avute nel 1960 nella quale si è formata una caldera sul suo picco, la cui circonferenza è di quasi 14 chilometri con una profondità media di 213 metri e massima di 384 metri.
Secondo i registri la cenere vulcanica di tale eruzione è stata trovata fino alla parte sud di Hokkaido, in Giappone.
Eruzioni su piccola scala sono stati registrate circa su base centuriale – nel 1413, 1597, 1668 e 1702. L’ultima eruzione vulcanica registrati al monte 2.744 metri, avvenne di nuovo nel 1903.
La montagna ha dormito inattiva da allora,rimanendo classificata dagli scienziati come dormiente.
Il governo cinese ha sviluppato lungo i pendii della la montagna e le zone circostanti come destinazione turistica della quale vengono decine di migliaia di visitatori da tutto il mondo ogni anno – molti dei quali provenienti dalla Sud Corea.
Eppure, “segni insoliti”,tra cui minori tremori armonici,hanno cominciato ad emergere nel giugno 2002 e un terremoto di magnitudo 7,3 ha scosso le aree in prossimità del vulcano.Secondo i geologi la frequenza dei terremoti è aumentata sensibilmente da allora.
“Sembra che l’onda d’urto del sisma abbia riattivato o destabilizzato il magma circa 30 chilometri sotto la montagna”, ha detto il Prof. Hong Tae-Kyung Yonsei University presso il Dipartimento di scienze del sistema Terra a Seoul.
Secondo un recente programma televisivo basato su interviste con funzionari, un istituto cinese di monitoraggio dell’attività vulcanica a Baekdu, tremiti minori che sono troppo deboli per essere avvertiti dagli esseri umani avvengono quasi 100 volte al giorno.
“Abbiamo visto un vertiginoso aumento del numero tremori negli ultimi anni,” ha citato un funzionario.
Tra gli altri indicatori che appoggiano lo scenario di una futura eruzione è l’altezza del Baekdu che è cresciuto di quasi 10 centimetri dal 2002.
Gli esperti dicono che l’apparato vulcanico si stà gonfiando di magma e le condizioni di un eruzione si stanno gradualmente spingendo verso l’altezza del vulcano.
Il 1 Ottobre 2006, un satellite russo ha trovato la temperatura sulla superficie della montagna notevolmente superiore rispetto a prima.
L’aumento del numero di alberi sempreverdi appassiti sulla montagna può essere considerato un altro indicatore.
“E ‘stato confermato che gli agenti inquinanti provenienti dalle zone circostanti non sono da biasimare. Se è così, gas tossici che fuoriescono dal vulcano potrebbero essere un colpevole possibile,” ha detto Yoon.
Se l’eruzione è di rilevante gravità, essa avrebbe portato serie conseguenze di massa verso le due Coree, nonché gli stati circostanti, tra cui Cina, Giappone e Russia.
“La quantità di cenere vulcanica emessa dall’eruzione più violenta di quasi 1.000 anni fa era sufficiente a coprire l’intera penisola coreana ad una altezza di 1,2 metri”, ha detto, citando studi scientifici. “La caldera del Baekdu contiene quasi due miliardi di tonnellate di acqua.
Evaporando in aria mista con cenere vulcanica di una grande eruzione,il vapore verrebbe soffiato a est e, di conseguenza fagociterebbe Vladivostok in Russia e Hokkaido nel nord del Giappone.”

-Le isole greche di Santorini, sito di uno dei più colossali eruzioni vulcaniche della storia, sono di nuovo in movimento.
Dal gennaio 2011, i terremoti hanno scosso il paesaggio e la superficie del vulcano di Santorini si solleva di circa 140 millimetri – probabilmente perché il magma risale dal profondo e riempire una camera sotterranea, gli scienziati lo segnalano al Geophysical Research Letters.
E ‘tutt’altro che certo che esploderà Santorini, dicono i ricercatori.
Anche se lo fa, l’eruzione non sarà qualcosa di simile a quella che si è verificata intorno al 1600 E.V, dice Andrew Newman, un geofisico presso il Georgia Institute of Technology di Atlanta. Quell’eruzione ha inondato di cenere tutto il Mediterraneo orientale, probabilmente contribuendo al declino della civiltà minoica.
“Non credo che un tipo di eruzione minoica sia probabile”, dice Newman.
Se Santorini eruttasse, probabilmente sarà una piccola eruzione come quelle viste lì nel corso degli ultimi cento anni,la più di recente nel 1950.
Queste eruzioni hanno costruito un paio di isole al centro dell’ormai collassata caldera.
Newman ei suoi colleghi, tra cui alcuni presso l’Università di Patrasso in Grecia, hanno iniziato a studiare Santorini nel 2006.
Partirono le stazioni del sistema di posizionamento globale che proprio aveva lo scopo di monitorare i piccoli movimenti in superficie e in grado di catturare il gonfiaggio del vulcano, come se facesse un respiro profondo.
Il paesaggio si mantenne a malapena fino agli inizi del 2011, quando improvvisamente si svegliò.
La quantità di movimento è coerente con una flusso di magma che sale in una camera e gonfia la crosta a circa quattro chilometri sotto Santorini,afferma Newman.
“Se davvero iniziassimo ad individuare che la fonte sta migrando e diventando sempre più profonda con il tempo, allora il rischio può aumentare,” dice.
Altre caldere hanno mostrato inflazioni simili e sciami sismici senza eruzione.
Nei primi anni del 1980, la città di Pozzuoli, Italia, si è innalzata di quasi due metri, ma la caldera dei Campi Flegrei sotto di esso non ha eruttato dice Tim Druitt, un vulcanologo presso la Università Blaise Pascal di Clermont-Ferrand, Francia.
Funzionari greci hanno convocato un comitato di esperti per studiare come il vulcano deve essere monitorato.
Il capo del comitato, Kosmas Stylianidis dell’Università Aristotele di Thessaloniki in Grecia, dice che il gruppo continuerà a tenere d’occhio i disordini in corso .

-Grazie alla radiazione elettromagnetica ottenuta da nuove immagini satellitari, i ricercatori hanno effettuato una scoperta sensazionale: la presenza di un nuovo supervulcano. Siamo nel Sud della Bolivia, in una zona estremamente remota, dove osservando l’area ad occhio nudo nulla farebbe presagire agli eventi sinistri che si verificano in questa parte di sottosuolo delle Ande. Imponente, alto circa 6000 metri, il massiccio dell’Uturuncu, uno dei vulcani più facilmente raggiungibili al mondo, si è sollevato nel tempo. La soluzione degli scienziati della Cornell University, Ithaca, USA, descritta in uno studio che verrà pubblicato a breve è eloquente: il tetto della montagna sorge su una superficie dieci volte più grande del lago di Costanza. Gli esperti hanno raccolto misurazioni del moto del suolo, confermando ciò che molti ricercatori avevano ipotizzato nel tempo. L’Uturuncu, un gigante addormentato, sarebbe un supervulcano capace di eruttare una quantità di materiale pari a 1000 volte rispetto al tristemente famoso Monte Sant’Elena, autore di una delle più grandi eruzioni del XX secolo; e 10.000 volte superiore a quello delle eruzioni islandesi nel 2010 che hanno paralizzato il traffico aereo mondiale per settimane. Il sollevamento del suolo era già stato osservato nei mesi scorsi, ma il motivo sembrava ancora sconosciuto. Se un tale vulcano eruttasse, ci sarebbe una distruzione totale nell’arco di centinaia di chilometri di territorio. Il vulcano Uturuncu è stato sino ad ora addormentato, tanto che l’età delle sue colate laviche rivelano che l’ultima eruzione risale a circa 300.000 anni fa.
Ma ora il gigante si muove di circa 1-2 cm l’anno da circa 20 anni, e sembra risvegliarsi. Ogni giorno si stanno verificando delle deboli scosse, arrivando ad oltre mille per anno. “La dimensione e la longevità del sollevamento è senza precedenti. E’ circa 10 volte più veloce rispetto al tasso normale di crescita di una camera magmatica di grandi sistemi vulcanici “, ha detto Shanaka de Silva, un geologo della Oregon State University che ha studiato Uturuncu dal 2006. La regione andina della Bolivia, del Cile e dell’Argentina è conosciuta per i vari depositi geologici trovati, causati da mega eruzioni passate. “Non possiamo prevedere cosa accadrà“, spiega Matthew Pritchard della Cornell University. Altri supervulcani come i Campi Flegrei nei pressi Napoli o nel parco di Yellowstone sono in movimento, anche se per il momento non destano preoccupazione. L’uturuncu si è da poco risvegliato dal suo sonno millenario, ed il serbatoio di magma sotto al vulcano sta crescendo di circa 1 metro cubo al secondo, ma per una super eruzione potrebbe necessitare di un accumulo maggiore. “Tutto è possibile nei prossimi decenni”, aggiunge Pritchard, il quale poi aggiunge: “dobbiamo imparare a capire meglio i segnali del vulcano per formulare una previsione, anche perché ci sono più vulcani da queste parti che vulcanologi”. Ed infatti il vulcano Uturuncu è circondato da una delle concentrazioni più densa di supervulcani del pianeta, tutti addormentati da almeno 1 milione di anni.

-L’area vulcanica di Panarea sembrava spenta ma le rivelazioni oggi sono una conferma, dopo gli eventi del 2002, che invece è ben attiva.
L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, infatti, riferisce che il vulcano Panarea “si deforma” con variazioni di “alcuni millimetri” l’anno in senso orizzontale e verticale, ma e’ gia’ dal 2002 che gli scienziati hanno verificato che il vulcano che sembrava tranquillo non era affatto spento. Anzi era vivo e vegeto. E cosi’ hanno dato inizio ad un intenso monitoraggio, rilevazioni che oggi dicono addirittura che il vulcano non solo e’ attivo ma addirittura si muove, deformandosi. Fino al 2002, Panarea era infatti classificato come “non attivo” dagli scienziati, ma nella notte tra il 2 e 3 novembre un improvviso evento di degassamento ha cambiato il gioco.
Tanto che, se gli scienziati dell’Ingv tengono a sottolineare che quelle rilevate oggi sono deformazioni “piccole” e “non destano preoccupazioni” per la sicurezza dell’isola, al tempo stesso non possono escludere che, come per “tutte le aree vulcaniche attive”, si “possano verificare deformazioni del suolo di maggiore entita’ nei periodi vicini ad aumenti dell’attivita’ esalativa”. Il complesso vulcanico costituito dall’isola di Panarea e dagli isolotti adiacenti, si e’ evoluto attraverso vari stadi di attivita’ dando luogo ad una struttura, sviluppata in massima parte al di sotto del livello del mare, estesa per 460 chilometri quadrati e con un diametro di circa 23 chilometri. In quella notte del novembre 2002, dopo un piccolo sciame sismico di bassa magnitudo rilevato solo dal sismografo installato sull’isola di Panarea, i ricercatori si sono accorti che l’area vulcanica era ancora ben attiva.
Quella notte del 2002, si verifico’, ricorda l’Ingv, “un’intensa attivita’ di degassamento in prossimita’ degli isolotti di Lisca Bianca e Bottaro. L’attivita’ esalativa ha avuto inizio con 5 zone di forte emissione gassosa a profondita’ variabili da 8 fino a circa 30 metri. L’emissione di gas e’ stata cosi’ intensa che l’odore di acido solfidrico (H2S) era percettibile a grandi distanze”. “L’effetto visibile il giorno dopo -ricordano ancora gli scienziati- era il ribollire dell’acqua di mare in prossimita’ dell’isolotto di Bottaro, che rimuoveva un’enorme quantita’ di sedimento evidenziato dalla scia biancastra trascinata via dalla corrente”. “Il cratere che si era formato, di 20metri per 10 e profondo 7metri, emetteva -proseguono gli esperti dell’Ingv- un’enorme quantita’ di gas, stimata in alcuni milioni di metri cubi al giorno, qualche centinaio di volte superiore al normale regime di degassamento di tutta l’area sommersa tra gli isolotti ad Est di Panarea. Ed il gas emesso era tiepido e non aveva modificato la temperatura dell’acqua di mare circostante”. Ma oltre al cratere, ricordano ancora gli scienziati dell’Ingv, “si aprirono fratture sul fondo tra Bottaro e Lisca Bianca emettendo quantita’ crescenti di gas e in qualche caso anche acqua calda. L’estendersi in lunghezza delle fratture e’ proseguito, lentamente, per alcune settimane”. Gli scienziati hanno eseguito immediatamente “profili verticali di temperatura per stabilire “se fosse emesso solo gas o anche altri fluidi idrotermali”. “Le temperature misurate, mostrando valori costanti dalla superficie fine al fondo, hanno permesso di stabilire subito -spiegano dall’Ingv- che l’attivita’ era essenzialmente di degassamento in assenza di fluidi caldi, anche se piccole quantita’ di acqua termale risalivano assieme al gas”.
“La causa dell’attivita’ idrotermale sottomarina -affermano i ricercatori- sembra essere tettonica, cioe’ legata al movimento di strutture, dette faglie, che hanno condizionato la nascita e l’evoluzione di tutti i vulcani dell’arcipelago eoliano”. Ma anche altri elementi hanno messo gli scienziati sulla strada di controllare il rischio nell’area. “La presenza dei resti di una villa romana sulla falesia delle coste meridionali dell’isolotto di Basiluzzo, la presenza di un molo romano sommerso a Basiluzzo e delle strutture murarie tra gli isolotti di fronte Panarea testimoniano -affermano gli esperti- un’intensa attivita’ vulcano-tettonica piu’ recente di 2500 anni”. “L’intensa ed inusuale attivita’ di degassamento avvenuta al largo di Panarea, trova poi -concludono i ricercatori- riscontri in tempi storici recenti nelle descrizioni dei viaggiatori che visitarono le Eolie tra il 700 e l’800. Le descrizioni, infatti, riportano alla mente fenomeni di degassamento sottomarino molto piu’ simili a quelli del 2002-2003 e ancora oggi in corso, che a quelli osservati e studiati durante gli anni 80 e 90″.

-GIAPPONE – I rapporti appaiono su disordini e segni di un risveglio possibile del vulcano Fuji,in Giappone.
Secondo una relazione che contiene una foto chiara della zona, una fila di nuovi crateri, il più grande 50 m di diametro, è apparso sul fianco orientale del vulcano a quota 2200 m.
L’osservazione si unisce ad altri segni che suggeriscono un graduale risveglio: Uno sciame di terremoti di cui 4 di magnitudo 5 si sono verificati a nord-est del monte Fuji durante e dopo il 28 gennaio.
Un terremoto si è verificato in precedenza di 6.4M sotto il vulcano il 15 marzo 2011.
Il rapporto menziona anche una maggiore attività da una bocca fumarole a 1500 m di altitudine e nelle zone termali al fianco orientale osservato dal 2003.
Queste posizioni sembrano essere allineate geograficamente, e sono probabilmente collegate.
Il Dr. Masaaki Kimura dell’università di Ryukyu è costretto ad ammettere che vi è un aumentato rischio di un’eruzione sul versante orientale e che lo stato del vulcano deve essere attentamente monitorato.
L’ultima eruzione del Mt. Fuji è nel 1707, circa 305 anni fa.
Come dicevo qui “Anche il vulcano Fujiama,in Giappone,dopo esser stato colpito da un terremoto di 6.1,potrebbe essere in procinto di una nuova eruzione in vista di una Ho tralasciato alcuni in quanto il numero era eccessivo ma per informazioni si può vedere ad esempio:Long Valley,Katla,Grismvotn,El Hierro ecc.



Una notizia che di recente mi ha colpito arriva dall’isola di Vulcano il 6 aprile: ”Fumo dalle bocche eruttive di Stromboli e Vulcano: le isole Eolie sono in fermento. Stanno fumando sia Stromboli che Vulcano in questi minuti, come possiamo osservare dalle immagini delle WebCam dell’Ingv di Catania. Come sempre, i vulcani delle isole Eolie sono decisamente attivi.

Fonte: http://expianetadidio.blogspot.it/2012/04/un-crescente-numero-di-vulcani.html

Pianeta Terra    HomePage