Crea sito

Marea nera nel Golfo del Messico: trovati gamberetti mutanti

Articolo del 03/05/2012

Red Snapper

Uno dei più grandi disastri ambientali di tutti i tempi, la marea nera del Golfo del Messico del 20 aprile 2010, mostra forse il suo malefico effetto ritardato sulla fauna marina del golfo. Lanciano l'allarme biologici e oceanografi che si stanno occupando della situazione ecologica e ambientale dell'area interessata dal disastro della marea nera.

Si parla dello sversamento di circa 5 milioni di barili di petrolio a cui bisogna aggiungere almeno altri 7 milioni di litri di Corexit, un solvente per disperdere le chiazze oleose, sostanza delle quale non è ben conosciuta la composizione e la tossicità.

Niente di strano allora che alcuni pescatori della zona dichiarino di non aver mai visto nulla di simile a quello che cominciano a trovare nelle loro reti. A parlare è Jim Cowan del Dipartimento di Oceanografia dell'Università della Lousiana: "I pescatori non hanno mai visto nulla di simile,"  ha detto ad Al Jazeera il Dr Jim Cowan."E nei miei 20 anni di lavoro sul red snapper (Lutjanus campechanus), osservando qualcosa tra 20 e 30.000 esemplari, non ho mai visto niente di simile a questo."

Gamberi senza occhi

Ne parla diffusamente, in un lungo articolo accompagnato da un filmato e alcune fotografie, Al Jazeera:  Gulf seafood deformities alarm scientists.

Gamberi senza occhi, centinaia di delfini morti dall'inizio del disastro, gli studi sulle popolazioni dikillifish (piccoli pesci dell'ordine dei Cyprinodontiformes) prima e dopo il disatro, ce n'è abbastanza per paventare una pesante ripercussione sulla fauna marina che coinvolge tutta la catena alimentare.

Secondo un commerciante di pesce della zona almeno il 50 per cento dei gamberetti catturati in quel periodo in Barataria Bay, una zona famosa per questi crostacei,  fortemente inquinata dal petrolio della BP e dai disperdenti, erano senza occhi. Kuhn ha aggiunto: "Preoccupante è il fatto che ai gamberi non mancavano solo gli occhi, ma anche le orbite."

Non solo dall'area del disastro arrivano questi crostacei mutanti ma anche pescando lungo il Mississippi si trovano granchi senza occhi, granchi con il carapace molle, granchi sottosviluppati.

Quale sarà l'impatto di queste mutazioni sulla catena alimentare e sull'ecosistema? Sono imputabili al disastro ambientale causato dalla rottura del pozzo petrolifero della British Petroleum? Interrogativi inquietanti ai quali si cerca di dare risposta.


Fonte: Al Jazeera, Gulf seafood deformities alarm scientists
Fonti bibliografiche: voci
it.wikipedia.org/wiki/Disastro_ambientale_della_piattaforma_petrolifera_Deepwater_Horizon
it.wikipedia.org/wiki/Corexit

Tratto da: http://questionedelladecisione.blogspot.it/2012/04/marea-nera-nel-golfo-del-messico.html

Pianeta Terra    HomePage